lunedì 10 dicembre 2012

Sensitivo

 
Chi è il Sensitivo?

Il sensitivo, uomo o donna, è come del resto la parola stessa fa intuire, una persona che riesce a percepire e vedere il prana (energia vitale che avvolge i corpi animali e vegetali).
Sono chiamati sensitivi anche il chiaroveggente, il telepatico, il medium, il rabdomante, il telecinetico, il cartomante, ed altri ancora. Questi nonostante abbiano delle doti non offrono nient'altro che il loro potere, il chiaroveggente può solo vedere, il telepatico può percepire solo le onde mentali, il medium può mettersi in contatto con entità disincarnate, il rabdomante può solo trovare l'acqua, e cosi via per tutti gli altri. Per il sensitivo pranico le cose sono diverse, esso può percepire il prana dei corpi animali e vegetali. Può percepire l'energia racchiusa in una parte di un corpo, e stabilirne l'intensità. Può inoltre interagire con il prana stesso modificando il flusso d'energia, può con l'esperienza e la pratica vedere l'aura (energia che avvolge tutti i corpi viventi), può vederne il colore, determinando il suo stato di purezza o di contaminazione. Può percepire la bontà o cattiveria, l'irritabilità, oppure la calma. Può inoltre spingersi in altri campi del paranormale con risultati eccellenti, i quali possono variare dalla volontà e l'impegno con cui il sensitivo li affronta.
Le persone dotate di questo senso sono molte, ma poche riescono a svilupparlo correttamente.
Alcune, dopo anni d'esperienza riescono a percepire anche la più piccola variazione pranica, possono inoltre coinvolgere l'intero loro corpo fisico, ampliando così il suo potere.
Questa caratteristica fa sì che il corpo del sensitivo diventi un accumulatore d'energia quando decide di togliere, un dissipatore quando decide di dare, infine di filtro, facendo passare l'energia pranica di un corpo squilibrato da fattori fisici o da volontà esterne attraverso il suo corpo. Con questa tecnica il pranico riesce ad assorbire l'energia delle persone provocando sul proprio corpo gli stessi disturbi, individuando con più facilità i punti più colpiti. I disturbi, sia d'origine traumatica, sia psichica formano un nodo d'energia nel corpo pranico che ostacolano il medico quando si accinge a curare con la medicina tradizionale il corpo fisico. Un soggetto in armonia con la propria energia pranica riesce sempre a guarire più in fretta di coloro che non lo sono, agevolando l'intervento medico.             
L'energia pranica quando non scorre bene nel corpo, si deposita su organi deboli, accumulandosi sempre più, fino al punto che l'organo colpito non risponde più a determinati stimoli.
In altri casi l'energia scorre nell'organo malato molto velocemente, portando via ogni residuo d'energia, lasciando l'organo senza una difesa pranica. In questi organi l'intervento del medico, con la medicina tradizionale è nullo. Alcuni medici adottano l'agopuntura per ripristinare l'energia di un organo, altri premono con le mani alcuni punti del corpo cercando di liberarne l'energia in eccesso. Il sensitivo pranico impone le mani posizionandole su alcune parti del corpo cercando di ripristinare il flusso d'energia, questi punti sono chiamati Ciacra.
Ufficialmente la medicina non accetta questi cultori di tecniche alternative che si spingono nel loro campo, dobbiamo però riconoscere che l'imposizione delle mani su di un corpo malato produce un riequilibrio dell'energia, procurando al soggetto un beneficio immediato.
Con questo non voglio affermare che una persona in piena armonia con il proprio prana non si ammali, questo non è possibile, ma sicuramente con un'energia in ottimo stato sarà difeso maggiormente dal suo sistema immunitario. Il ripristino del prana porta sempre un beneficio, sia sul piano fisico sia su quello psichico.
Molte persone non accettano le cure di un sensitivo perché non credono che l'aura esista, tanto meno credono che possa ammalarsi. Oggi la scienza riconosce che l'essere umano è circondato da un'aura invisibile, ma non accetta che quest'energia possa interagire con il corpo materiale e che a sua volta possa ammalarsi come un qualunque altro organo.
Le malattie prodotte dall'energia pranica non hanno un'origine materiale, per questo la scienza medica si allontana negando ogni cosa che non possa essere curata con farmaci. Queste malattie dell'energia, sono spesso legate alla nostra spiritualità, a come viviamo e come interagiamo con i nostri simili.
L'energia pranica non può essere offesa come il corpo fisico da fattori materiali come un bastone, una lama, un incidente stradale. Il pensiero è l'arma che può offendere e colpire anche gravemente il prana facendolo ammalare. Il prana può essere colpito da una malattia fisica che agendo direttamente sui ciacra coinvolge il prana nella parte controllata dal ciacra coinvolto. La cattiveria, l'egoismo, l'odio, il troppo amore, la lussuria, l'avarizia, la mancanza di fede, portano ad uno squilibrio del prana di tutto il corpo. La cura di queste malattie praniche, se non vogliamo andare da un buon pranico, sono curabili praticando tecniche che riescono a spostare o modificare l'energia da un ciacra ad un altro, ripristinando così il flusso di energia fra i vari ciacra.
Lo yoga è la tecnica migliore per ripristinare tal energia.
Molti riescono a mantenere il proprio corpo sano e forte facendo ginnastica, altri corrono a piedi e tutti sono consapevoli che quello che fanno produce un benessere fisico.
Perché non praticare una disciplina che produca un benessere pranico?
Le persone che non credono di avere un'energia pranica, attribuiscono al corpo materiale tutti i suoi malesseri, cosi ricorrono alla medicina tradizionale sperando in una guarigione che non può mai avvenire, perché il problema non si trova nel corpo ma fuori, nella sua energia pranica.
La meditazione yoga porta il soggetto a riconoscere e curare la propria energia quando viene meno, o tende ad una disarmonia. 
Il pensiero.

Il pensiero nasce in una parte del cervello chiamata Mesencefalo, in questa zona sono elaborati i dati che arrivano attraverso la corteccia dai cinque sensi e dai bisogni della carne.
Il mesencefalo elabora tutte le emozioni provenienti dall'esterno, rendendo così il corpo umano il mezzo indispensabile per un'evoluzione Spirituale. Ci sono due tipi di pensiero, quello superiore, legato alla spiritualità e quello inferiore, legato alla carne.
Il pensiero superiore proviene dallo Spirito inglobato nella materia in fase evolutiva, mentre quello inferiore è legato alla carne e ai suoi istinti.
Come possiamo comprendere quando il pensiero è l'Io Spirituale, o il risultato di un insieme di condizionamenti e stimoli materiali?
Sappiamo solamente che il pensiero è il risultato finale fra l'Io interiore e la materia.
Il percepire, gli stimoli dello Spirito, oltre che del corpo, fanno del mesencefalo l'organo che trasforma in pensieri gli stati fisici ed emotivi, condizionamenti e paure inconsce tramandateci assieme al nostro codice genetico.
Il Pensiero superiore fatica ad imporsi, e spesso rischia di essere travolto da stimoli prodotti della carne, ma pur essendone consapevole lascia spazio al pensiero inferiore di imporsi, facendo sì, che nella vita lo spirito possa acquisire l'esperienza necessaria da portare con se dopo il suo distacco dal corpo.
Soffermiamoci un attimo e proviamo a pensare al mesencefalo come ad un muscolo che esercitato frequentemente produrrebbe pensieri più articolati, portando sul piano fisico e Spirituale un notevole vantaggio rispetto a coloro che non lo esercitano.
In sintesi, il Mesencefalo è la parte del cervello che elabora i dati che riceve dalla corteccia celebrale inviati a sua volta dagli organi dei sensi come la vista, l'udito, il gusto, il tatto, l'olfatto, compresi quelli interni come l'istinto di conservazione (legato alla carne), e la fede (una vita senza corpo, tramandataci da padre in figlio).
Viene facile chiedersi come fare per produrre un pensiero che eserciti sul materiale un'azione positiva, e com'è possibile produrre un pensiero che porti lo Spirito ad a godere delle gioie prodotte da un corpo materiale.
Questi pensieri non devono condizionarti altrimenti perderesti la tua razionalità, accetta solo l'idea che tutto é possibile e realizzabile, perché il tutto è dentro di te.


Modificazione del pensiero.

La meditazione é la strada migliore per modificare un pensiero, cosa che in circostanze normali non si riuscirebbe a farlo, perché condizionati da una società incalzante, arrogante e caotica, che spinge l'uomo ad una chiusura mentale.
Rivedere un pensiero o riflettere su di esso, significa dare alla mente la possibilità di modificarsi. Lo stato meditativo porta a rimuovere l'ostacolo che impedisce la revisione del pensiero stesso, indirizza l'uomo a capire, a liberarsi dai condizionamenti sociali acquisiti.
Molte sono le strade della meditazione, alcune sono complicate come il Tantrismo, altre sono più semplici, ma non per questo meno impegnative. Il raya Yoga aggiunge alla meditazione trascendentale quel pizzico di fisico che noi occidentali apprezziamo, mentre la cundalini é una pratica di meditazione che attiva i ciacra del corpo, ed altre ancora come le pratiche Zem, Buddiste, degli Hare Krishna, o Indù.
Tutte queste discipline alla loro base sono simili, ma tendono a differenziarsi quando saliamo verso il vertice, ossia quando andiamo a cercare quello che il nostro io vuole scoprire. In tutte le discipline, l'iniziato dovrà isolarsi in una stanza, sederti comodo e ascoltare il suo corpo, la mente, il respiro. In seguito quando avrà acquisito il controllo del respiro, del corpo e della mente, dovrà affrontare l'Io.
Arrivato a questo punto, il pensiero superiore t'indicherà quale sarà la strada per arrivare dentro di te con una tecnica più adatta alla tua natura. Io non sono in grado di istruirti su come arrivare, posso solo parlarti d'alcuni corridoi che sicuramente troverai prima di arrivare dentro di te.
Questi corridoi sono strade astrali che uniscono la vita evolutiva al luogo senza tempo.
Per arrivare a questi corridoi dovrai meditare in maniera passiva, ossia una meditazione di tipo trascendentale, mentre per arrivare a conoscere l'io che si trova dentro di te dovrai meditare su una frase (io sono). Per arrivare ad intuire, dovrai meditare tuffandomi nel mare Astrale, cercando di captare ciò che esso racchiude.
Queste strade non sono facili da percorrere, in esse troverai degli ostacoli che contrasteranno il tuo pensiero, ma superato i primi mesi di meditazione giornaliera le probabilità di riuscita saranno molte.
I pensieri prodotti meditando non cancellano i condizionamenti subiti, ma si contrappongono formando una dualità evolutiva, pronta ad espandersi verso il ternario. Come vedi quando nella nostra mente produciamo un pensiero da uno stato meditativo, questo si contrappone al condizionamento. Questa tecnica serve a liberare dalla nostra mente i condizionamenti acquisiti nella famiglia, dalla società, dalla natura.
.


il caso innova e la necessità conserva.


COSI' COMINCIA L' AVVENTURA DELLE IMAGO

DURANTE LA FASE ONIRICA

MI APPARVE
UNO GNOMO
DICENDO 

" CODESTO SCRIGNO CONTIENE LE CAUSE DELLA VITA "

-
Ho creato un mazzo di carte ispiratomi dai tarocchi , mantenendo la giusta numerazione degli arcani maggiori , ma ho cambiato
l' iconografia rendendola piu' attuale al mondo che ci circonda . Pur essendo in bianco e nero sono riuscito a dare equilibrio alle immagini ed al titolo di ogni singola carta , rendendo semplicissima la lettura anche in solitario . Si possono giocare anche con amici , senza pero' abusarne potrebbero non rispondervi .
SE INTERESSATI ALL' ACQUISTO

SCRIVETEMI

NELLO SPAZIO COMMENTI
GRAZIE


- -

   . 
-


.
 .
 .

-

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

ACCETTO DONAZIONI GRAZIE

Accetto Donazioni , GRAZIE .

Post più popolari

DONAZIONI

DONAZIONI
EMERGENCY